ORCHESTRA I POMERIGGI MUSICALI
La stagione
Musica Classica e Sinfonica 

73ª Stagione Sinfonica Orchestra I Pomeriggi Musicali Ciclo Beethoven



Direttore: Eduardo Strausser
Pianoforte: Steven Osborne
Orchestra I Pomeriggi Musicali

PROGRAMMA

Beethoven, Concerto n. 4 per pianoforte e orchestra, in Sol maggiore, op. 58
Beethoven, Sinfonia n. 2, in Re maggiore, op. 36



NOTE

M° Eduardo Strausser
Direttore d' orchestra

 

Lo stile potente e dinamico di Eduardo Strausser ha regalato a Otello, secondo “Opera magazine”, “una vampata di giovinezza all’opera”. La stessa rivista gli ha tributato lodi e complimenti anche per la sua Direzione in Lohengrin, andato in scena presso il Teatro Municipal de São Paulo, dove Eduardo è stato Resident Conductor dal 2014 al 2016. Durante la sua ultima stagione a São Paulo, Eduardo ha diretto: Elektra, La bohème, la Fosca di Carlos Gomes, così come Lo schiaccianoci per il Balé da Cidade de São Paulo e altri concerti sinfonici. Per il 2017 Eduardo sarà impegnato con l’Orquesta Sinfónica Nacional de Mexico e con l’Orquestra Petrobras Sinfônica, così come con I Pomeriggi Musicali in Italia e con la Das Berner Symphonieorchester. Altri ingaggi in Europa comprendono la Tampere Philharmonic in Finlandia e la Bilkent Symphony Orchestra ad Ankara. Dal 2012 al 2014, Eduardo è stato Direttore Musicale dell’Orchesterverein Wiedikon e della Kammerorchester Kloten a Zurigo. Altre orchestre con cui ha lavorato sono: la Kurpfälzisches Kammerorchester, la Südwestdeutsche Philharmonie Konstanz, l?orchestra dello String Festival di Lucerna e la Berliner Camerata. Eduardo ha diretto Il flauto magico con la Meininger Hofkapelle e La bohème di Puccini al Theatro Municipal do Rio de Janeiro. Ha diretto altresì concerti presso il Teatro La Fenice di Venezia e, nel 2017 ha diretto La bohème al Teatro Verdi di Padova e al Teatro Sociale di Rovigo. Oltre ad aver studiato presso la Zurich University of Arts, Eduardo ha lavorato con Karlheinz Stockhausen durante un corso di due mesi a Kürten, in Germania. Eduardo ha inoltre partecipato a masterclasse con Bernard Haitink e David Zinman in Svizzera, e con Kurt Masur a New York. Nel 2008, Eduardo è stato selezionato al prestigioso International Forum for Conductors alla Ferienkurse für Neue Musik a Darmstadt, in Germania, dove ha avuto la chance di lavorare a stretto contatti con i compositori György Kurtág e Brian Ferneyhough.

 

 

Steven Osborne
Pianoforte solista

 

Steven Osborne è uno dei più celebri musicisti britannici, apprezzato per il suo approccio idiomatico a un ampio repertorio, dai pezzi classici di Mozart, Beethoven e Brahms alle atmosfere rarefatte di Messiaen, Tippett e Britten. Ha vinto molti premi e riconoscimenti tra i quali, nel 2009, il Gramophone Award con l’incisione delle opere di Britten per pianoforte e orchestra e il primo premio ai Concorsi Naumburg (New York) e Clara Haskil. Steven Osborne si esibisce con le orchestre di tutto il mondo – Yomiuri Nippon Symphony, Berlin Symphony, Deutsches Sinfonieorchester Berlin, Salzburg Mozarteum, Finnish Radio Symphony, Bergen Philharmonic, Residentie Orkest, Sydney Symphony, Hong Kong Philharmonic e Dallas Symphony Orchestra, collaborando con grandi direttori quali Christoph von Dohnanyi, Alan Gilbert, Vladimir Ashkenazy, Ludovic Morlot, Leif Segerstam, Andrew Litton, Ingo Metzmacher, Vladimir Jurowski e Jukka-Pekka Saraste. Il pianista ha partecipato nove volte ai Proms, l’ultima a luglio 2011 con Notte nei giardini di Spagna di de Falla. I suoi partner per la musica da camera sono il violoncellista Alban Gerhardt, Paul Lewis, Dietrich Henschel e la violinista Alina Ibragimova. Tra i più rilevanti impegni orchestrali recenti si ricordano i concerti con la London Philharmonic, la Vienna Symphony Orchestra e Adam Fischer, la Royal Flemish Philharmonic e de Waart, con la Orquesta Sinfonica de Castilla y Leon e Morlot, con la Oregon Symphony Orchestra e Kalmar e con la BBC National Orchestra of Wales. Steven Osborne ha festeggiato quest’anno il diciottesimo CD prodotto per la casa discografica Hyperion. Oltre al Gramophone Award nel 2009, l’interprete ha vinto anche un Schallplattenpreis. Nato in Scozia nel 1971, Steven Osborne ha studiato con Richard Beauchamp alla St. Mary's Music School di Edimburgo e con Renna Kellaway al Royal Northern College of Music di Manchester. Nel 2013 è stato insignito del premio Strumentista dell’anno dalla Royal Philarmonic Society e nel settembre dello stesso anno ha ricevuto il suo secondo Gramophone Award.

 

 

Orchestra I Pomeriggi Musicali

 

27 novembre 1945, ore 17.30: al Teatro Nuovo di Milano debutta l’Orchestra I Pomeriggi Musicali. In programma Mozart e Beethoven accostati a Stravinskij e Prokov’ev. Nell’immediato dopoguerra, nel pieno fervore della ricostruzione, l’impresario teatrale Remigio Paone e il critico musicale Ferdinando Ballo lanciano la nuova formazione con un progetto di straordinaria attualità: dare alla città un’orchestra da camera con un solido repertorio classico ed una specifica vocazione alla contemporaneità. Il successo è immediato e l’Orchestra contribuisce notevolmente alla divulgazione popolare in Italia della musica dei grandi del Novecento censurati durante la dittatura fascista: Stravinskij, Hindemith, Webern, Berg, Poulenc, Honegger, Copland, Yves, Français. I Pomeriggi Musicali avviano, inoltre, una tenace attività di commissione musicale. Per I Pomeriggi compongono infatti Casella, Dallapiccola, Ghedini, Gian Francesco Malipiero, Pizzetti, Respighi. Questa scelta programmatica si consolida nel rapporto con i compositori delle leve successive: Berio, Bussotti, Luciano Chailly, Clementi, Donatoni, Hazon, Maderna, Mannino, Manzoni, Margola, Pennisi, Testi, Tutino, Panni, Fedele, Francesconi, Vacchi. Oggi I Pomeriggi Musicali contano su un vastissimo repertorio che include i capolavori del Barocco, del Classicismo e del primo Romanticismo insieme alla gran parte della musica moderna e contemporanea. Compositori come Honegger e Hindemith, Pizzetti, Dallapiccola, Petrassi e Penderecki hanno diretto la loro musica sul podio de I Pomeriggi Musicali, che diventano trampolino di lancio verso la celebrità di tanti giovani artisti. È il caso di Claudio Abbado, Leonard Bernstein, Rudolf Buchbinder, Pierre Boulez, Michele Campanella, Giuliano Carmignola, Aldo Ceccato, Sergiu Celibidache, Riccardo Chailly, Daniele Gatti, Gianandrea Gavazzeni, Carlo Maria Giulini, Vittorio Gui, Natalia Gutman, Angela Hewitt, Leonidas Kavakos, Alexander Lonquich, Alexander Igor Markevitch, Zubin Mehta, Carl Melles, Riccardo Muti, Donato Renzetti, Hermann Scherchen, Thomas Schippers, Christian Thielemann, Salvatore Accardo, Antonio Ballista, Arturo Benedetti Michelangeli, Bruno Canino, Dino Ciani, Severino Gazzelloni, Franco Gulli, Nikita Magaloff, Nathan Milstein, Massimo Quarta, Maurizio Pollini, Corrado Rovaris e Uto Ughi. Tra i Direttori stabili dell’Orchestra, ricordiamo Nino Sanzogno, il primo, Gianluigi Gelmetti, Giampiero Taverna e Othmar Maga, per arrivare ai milanesi Daniele Gatti, Antonello Manacorda e Aldo Ceccato, direttore emerito dell’Orchestra. In alcuni casi, la direzione musicale è stata affiancata da una direzione artistica; in questa veste: Italo Gomez, Carlo Majer, Marcello Panni, Marco Tutino, Gianni Tangucci, Ivan Fedele, Massimo Collarini e, da luglio 2013, Maurizio Salerno. L’Orchestra I Pomeriggi Musicali svolge la sua attività principalmente a Milano e nelle città lombarde, mentre in autunno contribuisce alle stagioni liriche dei Teatri di Bergamo, Brescia, Como, Cremona, Mantova, Pavia – all’interno del cartellone di Opera Lombardia – e alla stagione di balletto del Teatro alla Scala. Invitata nelle principali stagioni sinfoniche italiane, l’Orchestra è ospite anche delle maggiori sale da concerto europee. I Pomeriggi Musicali sono una Fondazione costituita dalla Regione Lombardia, dal Comune di Milano, dalla Provincia di Milano, e da enti privati, riconosciuta dallo Stato come istituzione concertistico-orchestrale e dalla Regione Lombardia come ente primario di produzione musicale. Sede dell’Orchestra I Pomeriggi Musicali è lo storico Teatro Dal Verme, sito nel cuore di Milano.

Teatro Dal Verme Web Site 2017 All Rights Reserved | COOKIE | CREDITS