ORCHESTRA I POMERIGGI MUSICALI
La stagione
Musica Classica e Sinfonica 

71ª Stagione Sinfonica Orchestra I Pomeriggi Musicali



Direttore Alvise Casellati
Violino Alessandro Braga
Orchestra I Pomeriggi Musicali

 

Andreuccetti Bauci, commissione I Pomeriggi Musicali
Sibelius Valse triste
Beethoven Due romanze per violino e orchestra op. 40 e op. 50
Grieg Sinfonia in do minore EG 119

PROGRAMMA

Nicoletta Andreuccetti (1968)
Bauci, commissione I Pomeriggi Musicali

Jean Sibelius (1770-1827)
Valse Triste

Ludwig van Beethoven (1770-1827)
Due romanze per violino e orchestra op. 40 e op. 50

* * *

Edvard Grieg (1843-1907)
Sinfonia in do minore EG 119
I. Allegro molto
II. Adagio espressivo
III. Intermezzo: Allegro energico
IV. Finale: Allegro molto vivavce


Note a margine di Renato Meucci


Creato come una delle sei musiche di scena per un lavoro in prosa intitolato Kuolema (“morte”) scritto dal cognato Arvid Järnefelt nel 1903, Valse triste di Sibelius fu estrapolato e pubblicato separatamente, dopo che fin dalla prima esecuzione esso aveva ottenuto uno straordinario successo. Da allora è rimasto come uno dei gioielli più conosciuti non solo del grande compositore finlandese, ma anche dell’intero repertorio orchestrale di contenuta estensione, come d’altronde le sue numerose trascrizioni, a partire da quella celeberrima per pianoforte.

Forse i puristi storceranno il naso, ma non posso far a meno di ricordare che a suo tempo una pubblicità televisiva rese famosa la Romanza op. 50 di Beethoven (o almeno il suo inizio) più di quanto avrebbero potuto decine di sale da concerto: e d’altronde quanta musica d’arte ha riempito a torto o a ragione le colonne sonore dei messaggi promozionali o di tanta cinematografia? Reminiscenze a parte, resta che l’evocazione melodica di questa breve “romanza senza parole”, insieme con la sua compagna op. 40, entrambe del 1802, costituì per Beethoven un passaggio fondamentale con il quale egli venne preparando la sua innovativa concezione del concerto per violino e orchestra (d’altronde, benché Beethoven venga ricordato più spesso come eccellente pianista non va dimenticato che egli suonava altrettanto bene anche il violino).


Torniamo in alto all’Europa con una sinfonia del norvegese Edvard Grieg, scritta nel 1863-64 da un artista allora appena ventenne e l’unica che egli portò a compimento (restano solo abbozzi di altri lavori del genere), mentre il secondo e terzo movimento furono da lui stesso trascritti per pianoforte a quattro mani col titolo Pezzi sinfonici op. 14. Il brano è in realtà una prova di composizione suggeritagli dal compositore danese Niel Gade e conclusa da Grieg nonostante egli non si sentisse adatto a un tale esperimento, né per formazione né per indole. Il risultato lo lascio giudicare a voi: per me si tratta di un’esercitazione dalla quale non emerge un’individualità compiuta, ma tanti stili e tante modalità  compositive diverse. Fu forse per questo che il compositore appose sul manoscritto l’avvertimento che essa non avrebbe dovuto “mai essere eseguita”; prescrizione rispettata per ben 113 anni, fino alla definitiva violazione, avvenuta per la prima volta nel 1981.

 

BAUCI

di Nicoletta Andreuccetti

Bauci è straniante metafora dell’alterità: è invisibile, ma esiste, è oltre la terra, ma giace sulla terra. Bauci è la presenza distanziante dello sguardo qui tradotto in suono. Un suono filiforme, inudibile ma terrestre, terso e luminoso ma proteso nell’oscuro. Un suono, da scrutare da lontano nell’assenza, metafora di ogni ricerca: una ricerca senza aggettivi, senza perché, soglia ultima cui è condannato l’umano.



NOTE

 

 
Teatro Dal Verme Web Site 2018 All Rights Reserved | COOKIE | CREDITS